L'informazione che sfonda.

In meno di 2 anni stop alle caldaie a gas, tra il 13 e il 16 marzo si voterà il provvedimento. Che cosa accadrà?

Condividi su:

In vista di una realtà sempre più green e sostenibile, anche le caldaie a gas ne risentiranno in quanto l’Unione Europea sta attuando delle direttive ben precise al fine di ridurre l’impatto ambientale causato da questo elettrodomestico. Sebbene non sia nuova la volontà di fermare l’utilizzo e le nuove installazioni di caldaie a gas, in questo periodo in particolare si stanno concretizzando diverse idee e piani al fine di porre in essere, anche su questo fronte, la strategia per ridurre il cambiamento climatico.

Direttiva sulle “case green”. Cosa accadrà?

La Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento Europeo ha approvato la direttiva UE sulle “case green”. Questo è uno step ulteriore per raggiungere le emissioni zero entro il 2050. Nello specifico, attualmente l’obiettivo fissato è quello di raggiungere un sistema di abitazioni con classe energetica E entro il 2030 e classe energetica D entro il 2033. Per raggiungere questi valori, l’UE è in procinto di intaccare l’attuale sistema di caldaie presenti in ancora numerose abitazioni; secondo Legambiente in italia ci sono oltre 19 milioni di caldaie a gas di cui ben 7 milioni non sono aggiornate alla direttiva 90/396/CE sulle prestazioni degli apparecchi.

Da quando scatta il divieto di installare caldaie a gas

Nello specifico, tra il 13 e il 16 marzo verrà votato il provvedimento che, se dovesse essere approvato, vieterà dal 2025 l’installazione di caldaie a gas in nuovi edifici e negli edifici in ristrutturazione nonché le agevolazioni per l’acquisto di queste ultime già a partire dal 2024.

A partire dal 2029 è probabile che entrerà in vigore il divieto assoluto di vendita di caldaie a gas in ciascun Paese membro. Quindi si avranno circa 2 anni per ottemperare al nuovo assetto.

 

Nel 2020, secondo la Commissione Europea, il consumo di gas per paese in Europa era così diviso:

 

Uso del gas naturale nell’UE-27 2020, per paese

Il consumo finale di gas naturale nell’Unione europea nel 2020, per paese (in milioni di tonnellate cube di petrolio equivalente)

Germania

51,81

Italia

31,81

Francia

26,47

Olanda

15,90

Spagna

13,82

Polonia

9,24

Belgio

9,09

Romania

5,85

Ungheria

5,69

Repubblica Ceca

5,16

Austria

4,65

Slovacchia

2,43

Irlanda

1,95

Portogallo

1,74

Danimarca

1,51

Bulgaria

1,18

Grecia

1,10

Croazia

1,10

Finlandia

0,69

Lituania

0,58

Slovenia

0,58

Lussemburgo

0,56

Svezia

0,47

Lettonia

0,32

Estonia

0,25

Cipro

0

Malta

0

 

Inoltre secondo l’Eurostat nel 2021 il gas naturale rappresentava la principale fonte di calore con una quota pari al 38,2% seguita dalle energie rinnovabili con il 31,6%. Di conseguenza, i boiler rappresentano una parte importante quando si parla di sistemi di riscaldamento in Europa; in altre parole, con il 40% rappresentano il sistema di riscaldamento principale nel continente.

 

Infine nel mercato europeo dei boiler aggiornato al 2020, le quote di mercato dei boiler divise per combustible secondo la Global Market Insights è la seguente:

 

Bonus e incentivi per cambiare la propria caldaia a gas

Questa nuova manovra darà sicuramente spazio ai fornitori del mercato dell’energia di realizzare nuove promozioni e scontistiche in vista del cambiamento. Tra queste potrebbero essercene alcune realmente vantaggiose e convenienti come già accaduto in passato in occasione di altri provvedimenti.

 

Attualmente però si possono già sostituire le caldaie a gas utilizzando il bonus del 50% per gli interventi di ristrutturazione semplice fino a un importo massimo di 30000 euro.

Anche l’ecobonus è un altro incentivo utilizzabile in questa ottica con uno sconto al 65% permettendo di sostituire la caldaia con un equivalente di classica energetica superiore, nello specifico A. Quest’ultimo incentivo prevede tuttavia un contestuale cambiamento dei sistemi di termoregolazione per il controllo della temperatura dell’acqua.

Le alternative alla caldaia a gas

La principali alternative alla caldaia a gas sono:

  • la pompa di calore: alimentata ad elettricità, sfrutta la stessa tecnologia dei frigoriferi ossia il ciclo di Carnot al contrario. In sostanza, utilizza la temperatura di un ambiente (ad esempio quello esterno) riscaldandola e immettendola nell’ambiente da riscaldare;

  • la caldaia a biomassa: con il termine biomassa ci si riferisce alla legna, pellet, mais e così via;

  • la caldaia ionica: una nuovissima tecnologia che permette di creare calore da uno scambio di ioni partendo sempre dall’energia elettrica come fonte primaria;

  • la caldaia elettrica: dove l’energia elettrica sostituisce il gas naturale.

Condividi su:

Valuta questo articolo:
5/5

i più recenti

Casa in Classe A: cos’è e perché conviene?

Le classi energetiche degli edifici e degli elettrodomestici forniscono informazioni cruciali sull’efficienza energetica, influenzando significativamente i costi e l’impatto ambientale.

Pink Floyd Immersion: Il tour da vivere con audio in quadrifonia in alta definizione

𝗨𝗻𝗮 𝘃𝗲𝗿𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗲𝗿𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗻𝗲𝗹 𝗺𝗼𝗻𝗱𝗼 𝗱𝗲𝗶 𝗣𝗶𝗻𝗸 𝗙𝗹𝗼𝘆𝗱, 𝗹𝗼 𝘀𝗽𝗲𝘁𝘁𝗮𝗰𝗼𝗹𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝘃𝗶𝘃𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗻’𝗲𝘀𝗽𝗲𝗿𝗶𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗽𝗶𝗰𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗮𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗮𝗱𝗿𝗶𝗳𝗼𝗻𝗶𝗮 𝗶𝗻 𝗮𝗹𝘁𝗮

Articoli correlati