L'informazione che sfonda.

13,4 milioni di italiani soffrono di insonnia e quasi la metà di loro non fa nulla per risolvere il problema

Condividi su:

Sono circa 13,4 milioni gli italiani che soffrono di insonnia, secondo le ultime rilevazioni di Aims – l’Associazione italiana medicina del sonno che promuove la ricerca, la divulgazione e la formazione clinica sul sonno da più di 30 anni – ma il 46% di loro non fa nulla per risolvere il problema. Una cifra che è raddoppiata con la pandemia da Covid e che vede nelle donne le più colpite, sono circa il 60% del totale, mentre il 20% riguarda bambini e ragazzi. In Italia 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria. Eppure per il benessere di corpo e mente un buon sonno è fondamentale. Il 17 marzo si celebra la Giornata Mondiale del Sonno e per promuoverlo come mese dedicato alla cura del sonno ‘Sognid’oro’ presenta una partnership con Aims nell’ambito del progetto ’Sveglia, il sonno conta!’. L’obiettivo è sensibilizzare le persone sull’importanza del sonno e invitarle a prendersene cura. Sul sito gli utenti potranno fare un viaggio alla scoperta dei segreti per dormire bene, grazie ai contenuti sviluppati con Aims che toccano argomenti come i tre tipi di insonnia, il decalogo delle buone abitudini e dei comportamenti da evitare per dormire meglio, i cronotipi (i famosi Gufi e Allodole), il ruolo che gioca la melatonina, anche definita come ormone del sonno. Nel mese di marzo inoltre attraverso il sito www.ilsonnoconta.it chi lo desidera potrà accedere ad un servizio di consulenza online per poter porre agli esperti Aims dubbi e domande. Insieme alla risposta, che gli utenti potranno ricevere in circa 48 ore, verrà inviato un Diario del Sonno in formato digitale, utile per una fase di monitoraggio e di autovalutazione del proprio sonno. Per promuovere il progetto, Sognid’oro ha previsto una collaborazione con Il Museum of Dreamers di Milano, che ha raccolto oltre 180 mila visitatori, dove a marzo sarà allestita l’installazione all’insegna del ‘Sweet dreams are made of Sleep’. Un viaggio in cui i visitatori con indosso delle cuffie si lasceranno trasportare in una dimensione onirica. Infine verrà consegnato a tutti un Diario del Sonno cartaceo per tenere traccia della qualità e quantità del proprio riposo.

Condividi su:

Valuta questo articolo:
5/5

i più recenti

Articoli correlati