L'informazione che sfonda.

Diabete di Tipo 2: In Sicilia si contano più di 300mila casi

Condividi su:

Un’epidemia silenziosa e in costante crescita, con costi assistenziali che sono arrivati al 10% dell’intera spesa sanitaria pubblica. In Sicilia ci sono più di 300mila casi di diabete, soprattutto di tipo 2, che è la patologia che più impatta sul Sistema sanitario.

È quanto emerso nel corso dell’evento “LA PANDEMIA DIABETE T2 – DAI MODELLI ORGANIZZATIVI, ALLE CRITICITÀ GESTIONALI, ALLE NUOVE OPPORTUNITÀ DI CURA”, organizzato in Sicilia da Motore Sanità, con la collaborazione scientifica di AMD e con il contributo incondizionato di Menarini Group e Guidotti.

Così Salvatore Corrao, Past President AMD, Regione Siciliana, aprendo il tavolo di lavoro: “La situazione epidemiologica in Italia e in Sicilia è in continua crescita. Questi sono dati che corrispondono con l’epidemiologia a livello mondiale, tanto è vero che si parla di pandemia diabete, associata a una pandemia che riguarda l’obesità. Le criticità riguardano l’organizzazione attorno al paziente, il quale ha una serie di esigenze che non sono solo più quelle del controllo della glicemia. Anche i nuovi provvedimenti terapeutici che abbiamo a disposizione permettono di controllare le alterazioni cardiologiche, le alterazioni renali, ma questi pazienti hanno anche la necessità di un controllo multidimensionale soprattutto per i pazienti più complessi con particolare attenzione alle problematiche cognitive e del caregiver, visto che diventano sempre più anziani”.

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

In un periodo cruciale come questo, ritengo fondamentale orientare il settore sanitario verso una prospettiva incentrata sulla prevenzione”, sottolinea Leanza Calogero, Vice Presidente Commissione Sanità ARS. “La qualità del sistema sanitario è intrinsecamente legata alla capacità di prevenire le patologie e promuovere stili di vita salutari. Nell’affrontare la complessità della pandemia diabete tipo 2, è imperativo un impegno concreto nella sensibilizzazione e nell’adozione di pratiche preventive. Investire in programmi educativi, promuovere la consapevolezza e sostenere iniziative che favoriscano stili di vita salubri sono pilastri essenziali per costruire una società più sana e resiliente. La prevenzione non solo riduce il carico sul sistema sanitario, ma crea anche una base solida per il benessere generale. Guardando al futuro, come istituzioni, dobbiamo collaborare attivamente per implementare politiche e pratiche che mettano la prevenzione al centro della sanità. È una responsabilità collettiva che, affrontata con determinazione, ci consentirà di costruire comunità più resilienti e orientate al benessere a lungo termine”.

FARMACI INNOVATIVI

Dopo quasi due anni dall’approvazione della Nota 100 da parte di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) che ha visto allargare ai Medici di Medicina Generale la prescrizione dei farmaci “innovativi” per la terapia del diabete di tipo 2: SGLT2-i, GLP1-RA e DPP4-i, sia per rinnovare prescrizioni già avviate dagli specialisti diabetologi, sia per la prima prescrizione, si alternano luci e ombre su modalità prescrittive in sistema TS e sulla stessa utilità della nota”, chiosa Felicia Maria Pantò, Presidente Regionale SID e Dirigente medico c/o UOC Endocrinologia AOUP Policlinico Università degli Studi di Palermo Sicilia. “Indubbia resta invece sicurezza ed efficacia delle molecole, dotate di straordinari effetti cardio-nefroprotettivi. Oggi queste molecole sono in grado di prevenire e ritardare le gravi complicanze cardiovascolari e renali legate a questa malattia, riducendo il numero e la gravità degli eventi e dei re eventi cardiovascolari ed attuando una fattiva azione nefroprotettiva, ciò al fine di ridurre i costi legati ai ricoveri per complicanze del diabete di tipo 2. Se guardiamo i numeri del diabete in Italia e in Sicilia, ci rendiamo contro di come un utilizzo appropriato e responsabile di questa risorsa possa esser di grande utilità nella terapia del diabete.  Gli Italiani affetti da Diabete Mellito di tipo 2 sono oltre 3,5 milioni (5% della popolazione, e fino al 21% degli ultrasettantacinquenni) e oltre 1 milione di persone risultano malate senza esserne a conoscenza. Con quasi 340mila siciliani colpiti dal diabete, l’incidenza di questa malattia è raddoppiata negli ultimi vent’anni. Oggi in Sicilia circa il 7% della popolazione soffre di questa patologia: un’epidemia silenziosa e in costante crescita, con costi assistenziali che sono arrivati al 10% dell’intera spesa sanitaria pubblica. Il diabete mostra quindi il suo volto di “luci ed ombre” su: sentiment e modalità prescrittive, nell’estrema variabilità dei setting assistenziali, con l’obiettivo che si continui a  sviluppare un sodalizio fra specialisti diabetologi e Cure Primarie, per garantire un’assistenza diabetologica di elevata qualità, dalla prevenzione alla diagnosi precoce e alla gestione dei fragili, in maniera sempre integrata e condivisa”.

Condividi su:

Valuta questo articolo:
5/5

i più recenti

“La noia” di Angelina Mango è il brano più ascoltato in radio

𝗦𝗲𝘁𝘁𝗲 𝗯𝗿𝗮𝗻𝗶 𝗱𝗶 𝗦𝗮𝗻𝗿𝗲𝗺𝗼 𝟮𝟬𝟮𝟰 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗽𝗿𝗶𝗺𝗲 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗲 𝗽𝗼𝘀𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗰𝗹𝗮𝘀𝘀𝗶𝗳𝗶𝗰𝗮 𝗘𝗮𝗿𝗢𝗻𝗲 𝗮𝗶𝗿𝗽𝗹𝗮𝘆 𝗿𝗮𝗱𝗶𝗼 Effetto Sanremo nella classifica EarOne airplay

Articoli correlati