L'informazione che sfonda.

Roma, quartiere Coppedè “sequestrato” per un set cinematografico. L’ira di Santori (Lega): “I cittadini meritano rispetto”

Condividi su:

“L’ennesima angheria alla città firmata Pd si abbatte sul quartiere Coppedè. A piazza Mincio e dintorni la circolazione è vietata e i cittadini sono sequestrati in casa per fare spazio a riprese cinematografiche che si effettuano a singhiozzo e senza alcun rispetto per i residenti e chi a Roma vive e lavora”. Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino e capogruppo della Lega in Campidoglio Fabrizio Santori, raggiunto dalle numerose proteste degli abitanti del II Municipio.

“Ospitare anche questa fonte di guadagno e promozione del territorio e delle sue bellezze, è un bene, ma non è possibile continuare a ignorare i cittadini, mai coinvolti e addirittura sequestrati in casa, per un set di cinema sul quale non lavora nessuno”.

“Chiediamo rispetto per la città, l’occupazione di suolo pubblico dovuta a questi eventi sia limitata al tempo necessario, e soprattutto l’amministrazione non getti quegli introiti nel ribollente calderone del nulla, li impieghi invece per migliorie e promozione delle zone interessate alle riprese, come proprio piazza Mincio, dove ancora si attende il completamento di lavori promessi da anni dal Pd e dalla presidente Del Bello”, conclude Santori.

Condividi su:

Valuta questo articolo:
5/5

i più recenti

Natale in arrivo: Alla casa, al negozio e alle cene aziendali ci pensa il Christmas Planner Emanuele Salci

𝒅𝒊 𝑴𝒂𝒓𝒊𝒂𝒏𝒏𝒂 𝑫𝒊𝒎𝒂 𝗠𝗮𝗻𝗰𝗮 𝗾𝘂𝗮𝗹𝗰𝗵𝗲 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗶𝗺𝗮𝗻𝗮 𝗮𝗹 𝗡𝗮𝘁𝗮𝗹𝗲. 𝗠𝗲𝗿𝗰𝗮𝘁𝗶𝗻𝗶 𝗲 𝗙𝗶𝗲𝗿𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗲 𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗼 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗹𝗮 𝗺𝗲𝘁𝗮 𝗱𝗲𝗶 𝗽𝗿𝗼𝘀𝘀𝗶𝗺𝗶

Articoli correlati