L'informazione che sfonda.

Roma: Il Requiem di Fauré, canto di pace per riunire insieme ucraini e russi, mercoledì 5 aprile alla Basilica di San Crisogono

Condividi su:

Dopo la giornata inaugurale che ha visto iniziare la XXVI edizione del Festival di Pasqua con un grande concerto di musica barocca al Pantheon di Roma, atteso appuntamento domani alle ore 20.30 nella bellissima Basilica di San Crisogono a Roma, nel cuore di Trastevere, con l’esecuzione del monumentale Requiem in re minore op. 48 di Gabriel Fauré, composto da Gabriel Fauré tra il 1887 e il 1990, senz’altro la più celebre delle sue composizioni lirico-sinfoniche, grazie ad un lirismo che con grande dolcezza esprime la consolazione per l’eterno riposo. A dirigere, sul podio, troveremo il direttore d’orchestra Stefano Sovrani, alla guida dell’Orchestra Sinfonica del Festival di Pasqua, formata eccezionalmente per l’occasione da valenti musicisti ucraini e russi in segno di pace e fratellanza e contro tutte le guerre, insieme al soprano Sarah Agostinelli, al baritono Giorgio Carli e alla Schola Cantorum del Festival e al Coro Danae.

Il Requiem verrà preceduto dall’esecuzione del Cantique de Jean Racine, un’altra tra le più importanti composizioni corali di Gabriel Fauré, scritta tra il 1864 e il 1865 ispirato all’inno latino Consors paterni luminis attribuito a Sant’Ambrogio, e rappresenta un omaggio al celebre compositore russo Sergej Rachmaninov, di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario della nascita. Un’occasione per rilanciare il tema della Pace, filo conduttore dell’intera programmazione della XXVI edizione del Festival di Pasqua, che iniziato lo scorso 1° Aprile al Pantheon si concluderà la Domenica di Pentecoste, 28 Maggio, alla Basilica di Sant’Andrea della Valle.

Il Festival di Pasqua, la prestigiosa manifestazione fondata nel 1998 dal regista Enrico Castiglione, offre infatti l’eccezionale occasione di far suonare musicisti ucraini e russi insieme a Roma per i concerti della Settimana Santa nell’Orchestra del Festival di Pasqua, “grazie alla nostra programmazione e allo splendore della Musica Sacra ispirata al Cristianesimo vogliamo ancora una volta dimostrare che la musica è per eccellenza l’unico linguaggio universale che può unire e non disunire – come ha dichiarato lo stesso Enrico Castiglione – perché in questo mondo sempre più arido e sterile la musica ci insegna che si può e si deve essere tutti fratelli, tutti amici e non nemici. Per questo motivo ho voluto che anche quest’anno la nostra Orchestra fosse formata non solo da valenti musicisti italiani, che soprattutto anche da musicisti ucraini e russi come modello di fratellanza e di pace. Una presenza dal forte impatto emotivo e simbolico, a testimoniare ancora una volta che si può suonare insieme in piena armonia di sentimento e di partecipazione, anziché spararsi, all’insegna della straordinaria musica che grandi compositori d’ogni epoca hanno scritto come testimonianza di bellezza, di amore e di trascendentale”.

La XXVI edizione del Festival di Pasqua entra quindi nel vivo della sua programmazione con i tradizionali concerti della Settimana Santa che da oltre vent’anni costituiscono il cuore della sua attività. Tra i tanti appuntamenti di musica sacra, numerosi saranno i concerti per organo dedicati all’esecuzione integrale della musica di Johann Sebastian Bach e di Sergej Rachmaninov, con il ritorno di un organista d’eccezione come Silvano Frontalini, nonché all’esecuzione dei tradizionali Mottetti di Giovanni Pierluigi da Palestrina nel Triduo Pasquale del giovedì, venerdì e sabato santo, che offriranno un cammino spirituale all’interno della Musica Sacra sempre molto seguito e partecipato.

Il tradizionale “Concerto di Pasqua”, che da 26 anni rappresenta l’evento di punta dell’intera manifestazione, si svolgerà nella maestosa cornice della Basilica di Sant’Andrea della Valle Domenica 9 Aprile 2023, alle ore 20.30, e si avvarrà nuovamente dell’Orchestra del Festival di Pasqua formata da musicisti russi ed ucraini, riuniti sotto la direzione di Stefano Sovrani, con la partecipazione del celebre soprano olandese di origini americane Lisa Houben, star della musica lirica internazionale, con la regia televisiva dello stesso Enrico Castiglione e la valorizzazione di Urban Vision.

Fondato nel 1998 dal regista e scenografo italiano Enrico Castiglione con l’obiettivo di creare a Roma, capitale mondiale del Cattolicesimo, un festival dedicato allo straordinario patrimonio artistico del Cristianesimo in occasione del Grande Giubileo, il Festival di Pasqua ha offerto in ogni edizione in tutti questi 25 anni un intenso calendario di concerti ed eventi di Musica Sacra di grande prestigio internazionale, avvalendosi di complessi corali, orchestrali ed artisti di chiara fama mondiale, offrendo programmi del grande repertorio sacro dalla nascita dell’oratorio come forma di elevazione liturgica in musica alle più recenti e significative creazioni contemporanee, ma anche e soprattutto prime mondiali e riscoperte di opere, oratori e concerti dimenticati se non addirittura mai più eseguiti in Italia e nel mondo: esecuzioni divenute storiche, trasmesse dalle principali reti televisive internazionali, oggi tutte disponibili in compact disc, blu-ray e dvd distribuiti in tutto il mondo.

Durante il corso della sua storia si sono esibiti al Festival di Pasqua artisti di fama mondiale come Montserrat Caballé, José Carreras, Mstislav Rostropovich, Placido Domingo, José Cura, Renato Bruson, Katia Ricciarelli, Cecilia Gasdia, Lorin Maazel, Zubin Mehta, Carl Anderson, Uto Ughi, attori hollywoodiani come James Caviezel, Michael York, Louis Gossett jr. ed italiani come Arnoldo Foà, Walter Maestosi, etc., spaziando dalla sempre fin troppo trascurata musica gregoriana e polifonica alla valorizzazione delle pagine dei grandi compositori d’ogni tempo, da Georg Friedrich Haendel ad Antonio Vivaldi, da Wolfgang Amadeus Mozart Jules Massenet, da Johann Sebastian Bach a Nino Rota, da Gioachino Rossini a Leonard Bernstein.

Il Festival di Pasqua, i cui concerti da oltre vent’anni vengono regolarmente registrati televisivamente con la regia televisiva dello stesso Enrico Castiglione e diffusi in tutto il mondo (in Italia trasmessi dalla RAI e nel mondo dalle principali reti televisive internazionali), è promosso dagli enti locali, dal Ministero della Cultura, dall’ICAS (Intergruppo Parlamentare Cultura Arte e Sport), dal portale www.musicalia.tv, dove è possibile vedere i concerti storici e seguire e vedere anche tutti i principali concerti di quest’anno, e da Urban Vision come media partner.

Il programma completo della XXVI edizione del Festival di Pasqua è consultabile sul sito www.festivaldipasqua.org

Condividi su:

Valuta questo articolo:
5/5

i più recenti

Casa in Classe A: cos’è e perché conviene?

Le classi energetiche degli edifici e degli elettrodomestici forniscono informazioni cruciali sull’efficienza energetica, influenzando significativamente i costi e l’impatto ambientale.

Pink Floyd Immersion: Il tour da vivere con audio in quadrifonia in alta definizione

𝗨𝗻𝗮 𝘃𝗲𝗿𝗮 𝗶𝗺𝗺𝗲𝗿𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗻𝗲𝗹 𝗺𝗼𝗻𝗱𝗼 𝗱𝗲𝗶 𝗣𝗶𝗻𝗸 𝗙𝗹𝗼𝘆𝗱, 𝗹𝗼 𝘀𝗽𝗲𝘁𝘁𝗮𝗰𝗼𝗹𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝘃𝗶𝘃𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗻’𝗲𝘀𝗽𝗲𝗿𝗶𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗽𝗶𝗰𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗮𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗮𝗱𝗿𝗶𝗳𝗼𝗻𝗶𝗮 𝗶𝗻 𝗮𝗹𝘁𝗮

Articoli correlati